Investire in criptovalute: previsioni per il futuro

Le criptovalute hanno fatto molto scalpore nei mesi passati, soprattutto tra la fine dello scorso anno e l’inizio del 2018. L’exploit positivo delle loro quotazioni di fine 2017 le ha rese note anche a coloro che non ne conoscevano neppure l’esistenza. All’inizio di questo anno invece si è avvertito un crollo di tutte le divise, nessuna esclusa. Ma oggi ha ancora senso pensare di guadagnare con le criptovalute? Molto dipende da quanto si desidera guadagnare e con quali tempistiche.

Come funzionano le criptovalute

Queste monete sono di un tipo totalmente diverso rispetto a quelle che siamo abituati conoscere ed utilizzare ogni giorno. Si tratta infatti di valute elettroniche, gestite non da un governo o da una banca centrale ma da un sistema crittografico. Per certi versi le si può considerare le più democratiche possibile, in quanto nessuno ne decide apriori il valore. La quotazione criptovalute infatti è correlata esclusivamente alla richiesta del mercato: visto che esistono in quantità finite, se vengono richieste con insistenza dagli speculatori, il loro valore aumenta. Viceversa, se chi le possiede le mette in vendita, la quotazione scende, anche in modo del tutto repentino.

Cosa avverrà domani

Questa è la domanda che si pone qualsiasi speculatore, se fosse possibile rispondere con precisione e certezza dopodomani saremmo tutti ricchissimi. Le criptovalute hanno avuto un crollo del loro valore che, in alcuni casi, lo ha portato a molto meno della metà della quotazione di apertura di inizio anno. In alcuni casi tale valore è diminuito anche di 10 volte. Se si considera nel lungo periodo però rispetto a giugno 2017 abbiamo ancora oggi un importante aumento delle quotazioni, spesso decisamente molto elevato. Purtroppo però il trend è cambiato; mentre nello scorso anno tutte le criptovalute hanno avuto un costante aumento di valore, oggi le cose cambiano di giorno in giorno. Per certi versi è ancora possibile speculare su questi prodotti, anche perché sono molto mobili e hanno performance interessanti, ma conviene fare considerazioni nel breve periodo.

Cosa fa oscillare i mercati

Sono varie le motivazioni che portano gli acquirenti di criptovalute a decidere di vendere quelle che possiedono o ad acquistarne altre. A inizio 2018 per certi versi questi prodotti sono stati penalizzati proprio dal loro aumento di valore: con l’inizio del nuovo anno molti investitori hanno deciso di realizzare quanto guadagnato, rivendendo i loro portafoglio in criptovaluta. Ci sono poi numerosi eventi che influiscono, positivamente o negativamente, sulle quotazioni delle criptovalute. Si sono visti infatti Governi che ne hanno vietato la diffusione e lo scambio sul loro territorio nazionale, cosa che ha fatto crollare rapidamente i valori. Quando il Giappone ha dichiarato di accettare i Bitcoin come valuta corrente all’interno della Nazione invece l’interesse per gli investitori è aumentato, così come il valore di questa moneta. Purtroppo ad oggi sono vari i soggetti che guardano con sospetto tutte le criptovalute, cosa che fa poco sperare su un rapido aumento dell’interesse degli investitori a livello mondiale. Nel brevissimo periodo però si possono ancora oggi ottenere interessanti guadagni.

Lascia un commento