Rinnovare la casa con la tinteggiatura degli esterni

La casa necessita di periodici lavori di manutenzione, che permettono di mantenerla in perfetto stato, senza che si rovini a causa degli agenti esterni. Anche le pareti esterne della casa necessitano di una copertura, che migliora anche la traspirazione delle pareti, in modo da evitare la formazione di condensa. Le tinteggiature per esterni sono molto durevoli, cosa che consente di mantenere la stessa vernice per parecchi anni, a volte anche decenni.

Come scegliere la vernice


Per ricoprire le pareti esterne della casa si utilizzano venirci molto diverse rispetto a quelle utilizzate negli interni. Si tratta in genere di composti a più componenti che, una volte stesi, garantiscono la formazione di una pellicola protettiva sulle pareti. Sul mercato sono disponibili tantissimi diversi prodotti, alcuni sono dei pigmenti che si mescolano all’intonaco esterno, che garantiscono la massima tenuta e una colorazione solida e molto piacevole. Per la scelta del prodotto conviene seguire i consigli dell’imbianchino che si contatta, che sarà in grado di proporci alcune soluzioni perfettamente adatte alla zona in cui si trova l’abitazione da dipingere. Per quanto riguarda i colori, prima di valutare quale scegliere, è bene verificare se esistono dei regolamenti per il comune o il quartiere, perché in molte zone alcuni colori sono del tutto vietati, oppure è possibile scegliere solo in un ristretto range di colorazioni, in genere quelle delle terre.

tinteggiare esterni

Come preparare la casa


Verniciare l’esterno di un’abitazione comporta una serie di azioni, che vanno svolte prima di iniziare il lavoro. Conviene infatti valutare la tenuta dei muri, la presenza di infiltrazioni o di problemi div ario genere. Una volta tinteggiata la casa infatti sarà opportuno evitare di toccare l’intonaco estero. Altrimenti si rischia che qualsiasi lavoro effettuato in seguito rimanga ben visibile anche da lunga distanza. Prima di cominciare la stesura della vernice per esterni è quindi opportuno effettuare tutti i lavori di riparazione necessari, e anche la manutenzione ordinaria. In alcuni casi le pareti possono dover essere trattate con prodotti fissativi, che permettono di evitare lo sfogliamento della vernice. Su alcune abitazioni sono ancora presenti vernici utilizzate in passato, che formano una sorta di reticolo plastico sulla superficie; in alcuni casi prima di ridipingere è necessario rimuovere la copertura precedente. Dopo aver sistemato qualsiasi problematica si comincia a verniciare, iniziando di solito dalla facciata, o da una parete in ombra, in modo che il lavoro possa svolgersi al riparo dalla luce solare.

Lascia un commento